Le biografie

Elena De Martin

Elena incontra l’Ashtanga Vinyasa Yoga nel 1999 grazie a Marco Baggi che per primo apre le classi di Ashtanga Yoga a Milano. Il desiderio di approfondire questa disciplina la porta a incontrare Lino Miele, il suo primo insegnante della tradizione, che segue per oltre 6 anni in Italia e all’estero come studente e assistente.
Nel 2000 si reca in India per la prima volta e nel 2001 raggiunge Mysore dove incontra Sri K. Pattabhi Jois e frequenta l’Ashtanga Yoga Research Institute da lui fondato.
Per approfondire la sua esperienza yogica e arrivare alla sorgente della tradizione, dal 2005 intensifica e prolunga la sua permanenza a Mysore, dove studia e pratica sotto la guida di Sri K. Pattabhi Jois, di sua figlia Sarasvati e di suo nipote R. Sharath Jois.
Nel 2007 si stabilisce a Mysore con il figlio e per oltre un anno si dedica esclusivamente allo studio profondo dell’Ashtanga Yoga. Comincia in quell’anno a studiare Sanscrito, Filosofia dello Yoga, le Scritture e il loro Chanting
…sotto la guida dei maestri indiani Dr. M.A. Jayashree e Prof.M.A. Narasimhan. La vicinanza a questi straordinari maestri e l’intenso studio in terra indiana sono un’esperienza estremamente significativa del suo cammino di trasformazione personale e di comprensione dello yoga, come valore intrinseco di grande spessore da applicare nella vita quotidiana.
Con applicazione e dedizione, consegue uno dei più elevati riconoscimenti dallo “Sri K.Pattabhi Jois Ashtanga Yoga Institute” di Mysore: l’Autorizzazione di Livello 2 per l’insegnamento dell’Ashtanga Vinyasa Yoga.
Dopo l’anno sabbatico, Elena tornerà a Mysore regolarmente, anche più volte in un anno, per continuare i suoi studi sotto la guida di R. Sharath Jois – il naturale successore di Guruji, scomparso nel 2009 – e per mantenere viva in lei quella passione e quell’amore per lo yoga che tanto ha dato alla sua vita e che condivide ogni giorno con il suo insegnamento.
Un altro momento significativo del percorso di conoscenza yogica di Elena è stato l’incontro con Richard Freeman e Mary Taylor, ai quali riconosce una rara capacità di comprensione del messaggio yogico e d’interpretazione dello stesso secondo il pensiero occidentale. Frequenta il loro “Month-Long Teacher’s Intensive” nel 2010 ripetendo l’esperienza nel 2017. Incontra Richard Freeman in diverse altre occasioni durante i suoi workshops in Europa.
Nel 2011 ospita a Milano R. Sharath Jois che arriva per la prima volta in Italia per una settimana di Seminario.
Nel 2012, dopo oltre una decade di insegnamento in spazi condivisi, apre a Milano La Yoga Shala: un ampio spazio creato appositamente per la pratica dell’Ashtanga Yoga e naturalmente sprizzante di energia.
Qui oltre ai tanti studenti che ogni giorno la frequentano considerandola come un “tempio sacro dello yoga”, negli anni ha avuto l’onore di ospitare diversi nomi illustri dell’Ashtanga Yoga: David Swenson, Shelly Washington, Tina Pizzimenti, Eddie Stern, Susanna Finocchi, Gabriele Severini, Adam Keen e Dena Kingsberg organizzando i suoi ritiri in Italia.
Nel 2009, 2012 e 2019 Elena organizza anche il tour Europeo dei suoi maestri Indiani, Dr. M.A. Jayashree e Prof.M.A. Narasimhan, portandoli nelle maggiori scuole di Ashtanga Yoga del continente per condividere la loro conoscenza della Tradizione Indiana. Dr. M.A. Jayashree e Prof.M.A. Narasimhan sono sempre stati gli ospiti d’onore dell’annuale ritiro a Goa di Elena.
Parallelamente allo studio dell’Ashtanga, si avvicina nel 2001 alla Meditazione Vipassana, secondo l’insegnamento del maestro S.N. Goenka, la cui pratica regolare ha contribuito a dare maggior consapevolezza al cammino di ricerca intrapreso attraverso lo yoga.
Oggi Elena insegna a Milano, tiene seminari e organizza ritiri in Italia e all’estero, continuando a diffondere, con naturalezza e spontaneità, un messaggio di pace e amore, unione e condivisione che è proprio dello yoga.

Beatrice Acquistapace

Beatrice nasce e cresce a Milano. Dopo la maturità, si trasferisce in Inghilterra per studiare Architectural Environment Engineering all’università di Nottingham (UK). Qui, alla fine del primo anno, nel giugno del 2016 incontra l’Ashtanga Yoga e ne coglie subito i benefici per la sua vita universitaria sregolata.
Nei due anni a seguire pratica con Paul Kleesmaa (insegnante autorizzato livello 2 KPJAYI), partecipando alle sue classi sia in università che nel suo studio in città. Grazie a lui Beatrice si reca per la prima volta a Mysore, dove studia con R. Saraswathi Jois al Sri K. Pattabhi Jois Ashtanga Yoga Institute (luglio 2018).
Laureatasi, a settembre del 2018 si trasferisce per lavoro a Liverpool (UK) e per due anni pratica e studia il Prana Vashya Yoga (di Vinay Kumar) con Rebecca Stewart.
Terminata l’esperienza di vita, studio e lavoro all’estero, nel 2020 Beatrice torna in Italia e a Milano inizia a frequentare La Yoga Shala.
Sotto la guida di Elena De Martin si riavvicina all’Ashtanga Yoga, iniziando un percorso di grande trasformazione
che la porterà nel giro di poco tempo a lasciare la carriera ingegneristica e a diventare parte del team de La Yoga Shala.
Frequenta due corsi di formazione di Ashtanga Yoga (2021/22 e 2022/23) con Elena De Martin per un totale di 400 ore e contemporaneamente lavora a tempo pieno a La Yoga Shala, prestando assistenza ai praticanti delle classi di Mysore Style e durante le lezioni guidate ai praticanti neofiti.
Nell’agosto del 2022, sempre al fianco di Elena torna a Mysore. Per un mese pratica Ashtanga Yoga con Vijay Kumar e studia chanting con i maestri M.A. Jayashree e M.A. Narasimhan.
Nell’agosto del 2023 arriva per lei un’altra splendida occasione di crescita che sarà fondamentale per il suo percorso: la possibilità di volare a Boulder, in Colorado (USA), dove studia per un mese con Richard Freeman e Mary Taylor. Completato con successo il Month-Long Teacher’s Intensive, Beatrice torna in Italia più consapevole e pronta a condividere con gli studenti de La Yoga Shala la sua esperienza e tutte le conoscenze acquisite. Sempre con il sorriso e tutta la disponibilità che la contraddistinguono.

Manuela Ambrosini

Manuela, anima dolce, curiosa e dinamica,  inizia a praticare yoga in età matura, dopo aver coltivato per tutta la giovinezza due grandi passioni: la corsa e la bicicletta.
Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne – Germanistica all’Università degli Studi di Milano, con un master in Mediazione culturale e Gestione del Turismo all’Università degli Studi di Bergamo, si avvicina allo Yoga agli inizi del 2000. Frequenta contemporaneamente un corso di formazione di primo livello in Mat Pilates e il primo anno di formazione triennale in operatrice Shiatsu.
Nel 2015 termina la scuola di formazione insegnanti Yoga SFIDY (520 ore – quadriennale), fondata a Milano da Claudio Conte nel 1993 e riconosciuta dalla Féderation Nationale des Enseignants de Yoga (FNEY).
Nel 2012 incontra Elena De Martin e l’Ashtanga Vinyasa Yoga ed è amore a prima vista. Attratta dagli aspetti di disciplina – consapevolezza del movimento ed enfasi sul respiro -, riconosce la potenza di questa pratica, che da subito le dona energia e benessere, facendole sperimentare incredibili benefici.
…L’Ashtanga progressivamente diventa la sua pratica personale. Con essa la sua vita inizia a cambiare, comincia per lei un percorso di trasformazione e di crescita.
Nel 2021 partecipa al primo Teacher Training Course (250 ore) di Ashtanga Yoga con Elena De Martin, grazie al quale ha l’opportunità di fare esperienza nell’insegnamento all’interno della sua scuola, iniziando ad affiancarla come assistente.
Il percorso di formazione prosegue nel 2022 con il secondo TTC 150 ore. Sotto la guida di Elena, Manuela affianca in Shala i praticanti e intanto approfondisce la sua pratica di Asana, Pranayama e Meditazione, la recitazione di Mantra e Chanting, nonché lo studio della filosofia attraverso i testi classici dello Yoga come gli Yoga Sūtra di Patañjali, Bhagavadgītā, Gheraṇḍa Saṃhitā e HaṭhaYoga Pradīpikā.
Nel corso di un ventennio di cammino nello yoga, attraverso corsi, seminari, workshop, ritiri intensivi, ha studiato con numerosi insegnanti, ognuno dei quali è stato per lei un grande maestro: Francesca Apicella (Federazione Italiana Yoga), Alberta Biressi (Yoga dell’Energia), Consuelo Cinquanta (Odaka Yoga), Claudio Conte (Hata Yoga tradizione di Nil Hahoutoff), Gabriella Cella (Ratna Yoga), Philippe de Fallois (Hata Yoga tradizione di Nil Hahoutoff), Elena De Martin (Ashtanga Vinyasa Yoga), Adam Keen (Ashtanga Vinyasa Yoga), Piera Scarabelli (Federazione Italiana Yoga), Eros Selvanizza (Federazione Italiana Yoga), Gabriele Severini (Ashtanga Vinyasa Yoga), Federico Squarcini (studioso di Storia delle religioni), Eddie Stern (Ashtanga Vinyasa Yoga), Patrick Tomatis (Hata Yoga tradizione di Nil Hahoutoff), Chiara Travisi (Iyengar Yoga), Boris Tatzky (Yoga dell’Energia), Jacques Vigne (studioso di psicologia spirituale e meditazione).
Si definisce ancora felicemente in viaggio.

Sara Mantione

Sara, originaria di Vigevano, muove i suoi primi passi nel mondo della danza all’età di 5 anni: prima con la ginnastica artistica e ritmica, poi con la danza classica e moderna. La passione per la danza continua anche con la sua crescita e a 17 anni scopre la Danza del Ventre e la Tribal Fusion e ne rimane affascinata. Fra i diversi stili praticati, entra anche in contatto con la danza classica indiana Bharatanatyam.
La passione per la danza diventa un lavoro fino al 2015, anno in cui sente che questa non le da più quel senso di appagamento vissuto fino ad allora. Inizia così un periodo confuso che la spinge a ricercare nuovamente qualcosa che le corrispondesse nel profondo. Mantenendo sempre in sé l’immutato interesse per il movimento corporeo, si avvicina così allo Yoga nel 2018 provando dapprima il Vinyasa Flow, e dopo qualche mese, grazie al suo compagno già praticante di Ashtanga Yoga, approda a La Yoga Shala di Milano. L’incontro con Elena De Martin è stato determinante.
Sara inizia così a frequentare assiduamente La Yoga Shala e nel 2020 partecipa al suo primo ritiro con Elena De Martin, Gabriele Severini e Susanna Finocchi in Calabria, esperienza intensa che la segna fortemente. Alla fine del ritiro decide di accettare la posizione lavorativa rimasta vacante a La Yoga Shala licenziandosi dal suo precedente lavoro. Comincia così una nuova importante esperienza lavorativa inizialmente come aiutante in segreteria.
… Questa si rivela soprattutto un’esperienza di grande trasformazione e crescita personale che la vede sempre più pronta ad iniziare anche un serio percorso di studi nell’ambito dell’Āyurveda.
L’interesse per questo campo aveva trovato origine già nel 2008 attraverso diverse letture principalmente del Mastro Swami Joythimayananda e sempre rimasto un sogno nel cassetto. A Ottobre 2020 inizia un percorso di formazione per diventare operatrice Āyurveda; frequenta il primo anno nella Scuola AIMA Āyurveda e incontra poi nel 2021 Kandeepan Joythimayananda, figlio dell’autore dei libri da cui era partita la passione per questa medicina. Sara decide di seguire il suo insegnamento e studia con lui nella sua scuola SAP Āyurveda fino al Master in “Esperto in Āyurveda” nel 2023.
Nel frattempo la pratica yoga ha conquistato uno spazio fondamentale nella sua vita e routine quotidiana. Oggi pratica regolarmente a La Yoga Shala e ha approfondito la sua conoscenza frequentando l’Ashtanga Yoga Intensive Course con Elena De Martin.
Desiderosa di continuare il suo percorso di approfondimento, da settembre 2023 prosegue la sua formazione con il Teacher Training Course, sempre con Elena, per  entrare ancora più a fondo negli aspetti della pratica e di tutto ciò che ruota intorno allo yoga.

Ghiri

Ghiri, dal sanscrito Giri (pronuncia Ghiri) che significa Montagna, nasce il 7 Novembre 2009. Come un miracoloso dono inatteso è arrivato a Elena, che dopo l’anno trascorso in India desiderava tanto un cane nonostante il suo stile di vita non fosse del tutto compatibile con questa scelta. Da quando Ghiri è entrato nella sua vita, i due sono inseparabili.
La personalità e il carattere semplice di questa meravigliosa creatura, perspicace e dotata di grande intuito, hanno permesso a Elena di portarlo con sé ovunque.
Ghiri aveva solo tre mesi quando ha “partecipato” alla sua prima sessione di Chanting. Al primo OM intonato da Elena, Ghiri si è voltato verso di lei, l’ha guardata negli occhi ed è salito sulle sue gambe incrociate. Da allora, quella è la posizione che assume nei momenti di meditazione e di recitazione dei mantra, così come durante l’insegnamento degli aspetti tecnici e filosofici della pratica.
Si può dire che Ghiri quel giorno abbia iniziato il suo percorso, in questa dimensione terrena,
…verso lo sviluppo della sua già antica conoscenza dello Yoga. E non solo degli aspetti fisici, ma anche di quelli più sottili e profondi di cui lo yoga è portatore.
Negli anni Ghiri è diventato un Maestro ineguagliabile: per la sua capacità di comprensione degli stati emotivi degli studenti che ha intorno e per l’abilità di guarigione.
Fin da subito ha perfezionato il suo talento come Pet Therapist, contribuendo a rendere il rilassamento dei partecipanti alle classi un momento di vero rilascio. Da sempre Ghiri si posiziona e sistema delicatamente,  grazie anche alla sua minuscola fisicità, sulla pancia dei praticanti (in particolare durante shavasana). Se fa troppo caldo, ama mettersi fra il busto e il braccio con la testa appoggiata sulla spalla (solo lui lo sa fare!).
La sua delicata presenza innesca una naturale reazione d’amore in chi ha la fortuna di provarla, come un vero toccasana che si somma ai benefici della pratica. E lo stato di grazia è assicurato.
Ghiri, ormai da tutti riconosciuto come Ghiri Guru è stato invitato a tutti gli eventi più importanti del mondo dello Yoga al fianco della sua padrona di cui è proficuo collaboratore. Ha coniato la miglior meditazione canina di sempre: dorme nei momenti della lezione in cui il suo intervento non è necessario e si risveglia appena inizia il sacro momento del suo intervento.
Di sottile comprensione riguardo tutto ciò che ha intorno, Ghiri Guru è altresì riconosciuto in ogni ambito dello Yoga come un precursore della presenza attiva e lavorativa in Shala di un quattro-zampe, il cui intervento rende lo spazio e le cose che vengono condivise al suo interno di ineguagliabile potenza.
Ghiri ha lavorato con i più grandi insegnanti di Ashtanga Yoga come David Swenson, Shelley Washington, Eddie Stern, Jhon Scott, Dena Kingsberg, Tina Pizzimenti, Gabriele Severini, Susanna Finocchi, Adam Keen e molti altri; dal 2010 partecipa a tutte le edizione dello Yoga Festival a Milano, invitato anche nelle edizioni di Catania e Padova e a tutti gli eventi che vedono impegnata la sua padrona.
Nata già creatura speciale, Ghiri è diventato unico grazie al suo percorso di vita: ha partecipato a tutte le lezioni di Ashtanga Yoga tenute da Elena e da sempre   presenzia le sue pratiche personali di Yoga, Meditazione, Chanting, Pranayama; massaggi Ayurvedici, bagni sonori con campane tibetane e di cristallo, reiki, concerti di Kirtan.
Ghiri fin dalla sua cucciolosità è stato quotidianamente attorniato di pace, bellezza e amore. E oggi che è un cane anziano, è un grande portatore di tutti i benefici dello yoga, da entrambi i punti di vista: sottile e fisico (come confermato anche dal veterinario esperto in medicina olistica che lo ha in cura da sempre).
Chi lo desideri può seguire Ghiri sul suo profilo IG ghiri.guru